Documenti Veneziani: Venezia 11

933 marzo 12, Rialto

Poiché il duca Petrus [II, Candianus] aveva vietato gli scambi tra i Venetici e gli Istriani a causa dei gravi danni subiti ad opera di Wintherius/Winterius marchese [del Friuli] e dei suoi uomini, questi ottiene, grazie all’intercessione di Marinus, patriarca di Grado, che il duca si convinca alla pace e alla ripresa dei commerci. Egli promette dunque insieme a Iohannes, vescovo della città di Pola, a tutti gli altri vescovi e al popolo istriano, di non invadere più le proprietà della chiesa di Sant’Ermagora del patriarcato di Grado e quelle del palazzo ducale e delle chiese dell’episcopato di Venezia, site nel territorio di Pola e dell’Istria, di pagare ogni debito annuo, di non pretendere nuove imposte, ad eccezione del ripatico e del teloneo, di non assalire le navi venetiche e fare in modo che i Venetici ritornino illesi in patria qualora, a causa di un ordine del re, possano trovarsi in pericolo.

Copia semplice del XIV secolo in Archivio di Stato di Venezia, Pacta e aggregati, Liber Albus, carte 261v-263v [B].

CE II. 35
Edizione: Cessi 1942.

In nomine domini nostri Ihesu Christi. Regnante domino nostro Ugone, serenissimo rege, anno septimo, Lothario, filio eius, in Dei autem regnante anno secundo, die duodecimo, mense , indictione sexta. Rivoalto. Cum nos Wintherius et homines nostri invasimus res proprietatum de patriarchatu vestro sancti Hermacore, quas in finibus et Ystrie habet, et similiter res palatii vestri Veneciarum et de Veneciarum, quas ipse palatius et sui episcopati in Pola et in omnibus finibus Hystrie habent, et debita, Hystrienses ad Veneticos solvere debebant, detinebamus, ut iustitias minime invenire poterant Venetici, et suprapositas eis per civitates imponebamus, etiam naves eorum comprehendimus et depredavimus et homicidia in Veneticos fecimus, unde maxima inter nos et Veneticos adcrevit,[1] propter hoc malum, quod in Veneticos , dominus Petrus, gloriosus dux Veneticorum,[2] precepit, ut nullus Veneticus Ystrie pergeret, nec Ystrienses Venetias advenirent.[3] Hoc videntes nos Wintherius, marchio, missos direximus ad dominum Marinum, patriarcham, ut pro Dei omnipotentis amore se ad dominum Petrum, eminentissimum ducem, ut pax cum nobis et cum nostro populo esset, et negocia Venetici cum exercerent, sicut soliti facere. Tunc predictus dominus Marinus, , exiit a sua civitate , venitque ad suum seniorem, dominum Petrum, eminentissimum ducem, et eum, ut pro Christi amore pacem faceret, et malum pro malo non redderet, sed, qui contra legem factum , secundum pacti . [4]Ad hec monita mente domini Petri, piissimi et gloriosissimi ducis, compuncta, condoluit. Unde ipse denique dominus Petrus dux ammonitus divina et apostolica precepta et devocione ac promissione Hystriensium esse , per hanc cartam et per sanctas Dei ecclesias et pauperibus Christi ad pacem et concordiam reduxit, et omne malum, quod contra suos Ystrienses degerunt, pro divino amore reliquit. Ideo ego Winterius, marchio, una cum Iohanne episcopo urbis Polane et cum ceteris Hystriensium episcopis et cum omni populo prona mente et spontanea voluntate promittentes promittimus, ut et deinceps in nullas proprietates de vestro , nec de illas de vestro palatio, nec de res sanctarum ecclesiarum Dei, quas in Venecie pertinet, in totis finibus et Ystrie, quas ille et Ve­netici ubicumque habere et possidere sunt in finibus Ystrie, nullo tempore nos in eas intromittere, nec in occupare debeamus, sed semper in suo statu et in vestra dominatione manere debeant, ita ut non per nos, neque per persona ab aliquo patiantur, set semper ab omnibus nostris, qui sub nostra potestate degunt, defense ipse proprietates et homines maneant, et vestra dominatio per vestros fideles in ipsos colonos discurrat. Simili modo promittimus omne debitum, quod Ystrienses a Veneticos solvere debent annuatim, faciamus.[5] Itemque promittimus de omnes suprapositas, facte fuerunt, ut in eternum non , sed secundum antiquam consuetudinem ripatica et tholonea solvantur, ita ut amplius eis non imponantur.[6] promittimus ut nullo unquam tempore cum nostre naves super in contrarium ire non debeamus, vestri Venetici mala patiantur, sed omni tempore in pace et caritate ad invicem vobiscum manere debeamus, ut omnem legem et iustitiam a vestris Veneticis observare promittimus. Super hec autem pollicemur, ut, si iussio regis , ut contra Veneticos aliquid mali , primitus, cum nos potuerimus scire, eos , ut illesi ad suam patriam revertantur.[7] Hec inviolabiliter observare promittimus nos cum nostris successoribus et heredibus ac prohaeredibus. Quod si quocumque tempore per vim res proprietatum de vestro patriarchatu sancti Hermagore, aut de palatio vestro, aut de sanctarum Dei, aut de vestris fidelibus invadere presumpserimus, incurramus in omnipotentis Dei et eius, quorum res invadere presumpserimus. Et insuper componere promittimus cum nostris heredibus vobis et in palatio vestro auro fulvo libras centum, medietatem cuique forcia facta fuerit, et medietatem palatio regis italico regno presidenti. Et hec promissionis carta maneat in sua firmitate. vero cartam repromissionis tradidimus Georgio dyacono et notario de civitate . Acta vero Rivoalto. Signum manus domini Winterio marchioni, qui hoc fieri rogavit. + Ego Iohannes, episcopus Polane ecclesie, manu mea subscripsi. + Ego Firminus episcopus manu mea subscripsi. Signum manus Rocioni de civitate Polana ad omnia consentientis. Signum manus Amantino, filii Constantini, consentientis. + Ego Adebertus, locopositus, de civitate Iustinopolim, consentiens. Signum manus Leoni, filii Passivo, consentientis. Signum manus Dominico, locoposito, de Trigeste, consentientis. Signum manus Iohanni, filii Olive, de Trigeste. Signum manus Andreade, scavino, filius Dominico Pepolo, de Tergeste. Signum manus Dominico, filio Olie, de castro Mugla consentiens. Signum manus Iuliano de Mugla consentientis. Signum manus Venerio de Augusto de castro Pirano consentientis. Signum manus Felix, filii Ravenni, de Piriano consentientis. Signum manus Dominico, scavino, de Anastasia consentientis. Signum manus Mauroceni, filii Mauroceni, de Iustino consentientis. Signum manus Iohanni de Iustane consentientis. Signum manus Andreati, fratri domno Iohanni episcopo, consentientis. Signum manus Lamberto, cui cognomento Populino, consentientis. Ego Georgius, dyaconus et notarius de civitate Iustinopoli, ex iussione domini Win[t]herii, marchionis, hanc repromissionis cartam scripsi, complevi atque firmavi.[8] De civitate Pola : Rocius, Amantinus, Leo, filius Passivo et Johannes Basiliacus. : Leo de Hualteramo, Dominico de Iuventino, Odelricus, Theodorus tribunus.[9] De Civitate Nova: Leonianus et Johannes, cognatus Formino episcopo. De Pirano: Felix scavinus, Andreas Iustulago, Crissus Ansaldus. De civitate Capras: Audiubertus locopositus, Andreas Aquaheolus, Dominicus de Anastasia, Petrus de Ianane. De Mugla: Venerius Bonciolinus, Dominicus de Oliniancius. De Trigeste: Dominicus, locopositus, filius Senadri, Andreas, filius Dominico Pepolo, Iohannes de Soliuo, Rothicherius.[10]

 

NOTE STORICHE

[1] Non è ben chiaro se l’azione del marchese del Friuli Winterio contro le proprietà e gli uomini veneziani in Istria sia in rapporto diretto con il patto del 932 gennaio 14 (documento Venezia 10). Secondo alcuni storici il marchese avrebbe approfittato di una generale ostilità degli Istriani contro Venezia, la quale negli ultimi decenni era stata favorita dai re italici con la serie dei patti che avevano accresciuto sempre di più la sua influenza economica e commerciale (Bertolini 1974, p. 757). A parte questo, il secolare conflitto tra Aquileia e Grado aveva fatto convergere nella penisola istriana interessi commerciali e patrimoniali rilevanti. L’Istria, da provincia bizantina, era passata in mano longobarda intorno al 770 per essere poi incorporata nel regno franco e nella marca del Friuli circa nel 788. Per una bibliografia sulla storia dell’Istria si veda Venezia 10 nota 1.

[2] Su Pietro II Candiano si veda documento Venezia 10 e bibliografia alla nota 1.

[3] La rottura di ogni rapporto commerciale o anche la sola minaccia di un blocco commerciale furono uno strumento di politica estera adottato da Venezia in diverse circostanze. Si veda ad esempio la convenzione tra il patriarca di Aquileia Gualperto e il doge Orso I Particiaco dell’880 maggio, dove questi promette di non chiudere il porto di Pilo, a patto che gli Aquileiesi si astengano dall’invadere i territori di Grado. Si veda documento Venezia 6 e testo corrispondente alla nota 4.

[4] Il patriarca di Grado Marino svolgerà la stessa funzione di intermediazione, qui messa in atto tra il marchese del Friuli Winterio e il duca Pietro II Candiano, anche nei contrasti che sorsero tra Aquileia e Venezia in epoca successiva e risolti con il patto del 944 marzo 13. Si veda Venezia 14.

[5] Nel diritto commerciale del XII e XIII secolo, sancito da una serie di accordi tra Venezia e i comuni dell’Italia settentrionale, particolare attenzione era posta all’accoglimento delle istanze del mercante veneziano, volte a recuperare i crediti. La formula di questo patto, secondo Gerhard Rösch, sarebbe da interpretare proprio in questo senso, rappresentando pertanto un primo tentativo di assicurare ai Veneziani giustizia contro i debitori morosi fuori dai territori del ducato. Sul diritto commerciale si veda in generale Rösch 1985, pp. 93-104. Sull’attività creditizia, che non era necessariamente connessa a quella mercantile, si veda Luzzato 1995, pp. 20-24. Sull’attività creditizia e sul recupero del credito si vedano inoltre documenti Venezia 10 nota 3, Venezia 20 nota 4, Venezia 27 nota 5.

[6] Il ripatico o diritto di approdo e il teloneo o diritto di transito erano imposte dovute dai mercanti forestieri che attraversavano fiumi e canali delle città del regno e del ducato veneziano. Le tariffe variavano da città a città ed erano fissate su base consuetudinaria. Sulle imposte commerciali si veda Rösch 1985, pp. 104-112. Si noti che la città di Capodistria rinuncerà cinquant’anni dopo alla riscossione del teloneo, esentando Venezia dal pagamento. Si veda il patto del 977 ottobre 12 (Venezia 21).

[7] Su questa clausola che viene interpretata come una restrizione significativa dell’autorità regia in quest’area e dunque come segnale della debolezza del potere centrale, allora rappresentato in Italia da Ugo di Provenza, si veda Bertolini 1974, pp. 758-759. Interpretata alla stessa maniera è una clausola simile, contenuta nel patto del 944 marzo 13 (si veda documento Venezia 14)

[8] Tale Giorgio non è notaio veneziano. Sulla presenza di notai stranieri a Venezia si veda documento Venezia 4 e nota 17.

[9] I tribuni furono ufficiali pubblici bizantini minori. Su questa carica e sul suo significato a questa altezza cronologica si veda documento Venezia 2 e nota 10.

[10] L’elenco delle città nominate nelle formule di giuramento è controverso. Infatti alcuni assegnano alla città di Pola 8 nomi e attribuiscono la provenienza “de Parentio” al nome che precede. Altri invece mettono in relazione “de Parentio” ai 4 nomi che seguono. Inoltre il toponimo Capras è da alcuni identificato erroneamente con Caorle, trattandosi in verità della città di Capodistria. Sarebbe possibile riconoscere in questo modo fra coloro che prestano giuramento i rappresentati delle città di Pola, Parenzo, Cittanova, Pirano, Capodistria, Muggia e Trieste. Fra i nomi dei rappresentanti di Capodistria inoltre almeno tre sono quasi sicuramente riconoscibili pure nell’atto del 932 gennaio 14 (si veda documento Venezia 10 e nota 2).

Cessi corregge in nomine.
Cessi corregge in marcii.
Actum in Cessi.
Gradensi in Cessi.
Pollane in Cessi.
Cessi corregge in episcopatibus.
Cessi corregge in quae.
Cessi aggiunge et.
Cessi corregge in lis.
Sic. Cessi corregge in exercuimus
Cessi corregge in intromitteret
Cessi corregge in Ystriensibus e omette il se.
fuerant in Cessi.
egregius patriarcha in Cessi.
Gradensi in Cessi.
admonuit in Cessi.
inde in Cessi.
habent in Cessi.
sententiam in Cessi.
emendent in Cessi.
Cessi corregge in divino et apostolico precepto et devotionem ac promissionem Hystriensium esse devotam.
Sic. Si legga misericordia motus
suam mentem in Cessi.
Ystriensi in Cessi.
a modo in Cessi.
Cessi corregge in patriarchatu gradensi sancti Hermachore.
cuncta in Cessi.
vestro episcopatu in Cessi.
Pollane in Cessi.
Sic. Cessi corregge in visi.
unquam in Cessi.
aliquo in Cessi.
Sic. si legga summissam come in Cessi.
Cessi corregge in mala.
Cessi corregge in vestri.
quod in Cessi.
iusticias in Cessi.
Cessi corregge in quae.
Sic. si legga renoventur come in Cessi.
pro unaquaque civitate in Cessi.
Itemque in Cessi.
vestris in Cessi.
ne in Cessi.
omesso in Cessi.
Cessi corregge in venerit.
Cessi corregge in agatur.
Cessi corregge in faciemus.
gradensi in Cessi.
vestrarum ecclesiarum in Cessi.
Cessi corregge in iram.
sanctorum in Cessi.
Hanc in Cessi.
scribenda in Cessi.
Iustinopolis in Cessi.
iurant in Cessi.
Cessi lega de Parentio al nome che precede.

Presentazione Documenti Veneziani: Introduzione

Indice

Documenti Veneziani: Venezia 1
Documenti Veneziani: Venezia 2
Documenti Veneziani: Venezia 3
Documenti Veneziani: Venezia 4
Documenti Veneziani: Venezia 5
Documenti Veneziani: Venezia 6
Documenti Veneziani: Venezia 7
Documenti Veneziani: Venezia 8
Documenti Veneziani: Venezia 9
Documenti Veneziani: Venezia 10
Documenti Veneziani: Venezia 11
Documenti Veneziani: Venezia 12
Documenti Veneziani: Venezia 13
Documenti Veneziani: Venezia 14
Documenti Veneziani: Venezia 15
Documenti Veneziani: Venezia 16
Documenti Veneziani: Venezia 17
Documenti Veneziani: Venezia 18
Documenti Veneziani: Venezia 19
Documenti Veneziani: Venezia 20
Documenti Veneziani: Venezia 21
Documenti Veneziani: Venezia 22
Documenti Veneziani: Venezia 23
Documenti Veneziani: Venezia 24
Documenti Veneziani: Venezia 25
Documenti Veneziani: Venezia 26
Documenti Veneziani: Venezia 27
Documenti Veneziani: Venezia 28
Documenti Veneziani: Venezia 29
Documenti Veneziani: Venezia 30
Documenti Veneziani: Venezia 31
Documenti Veneziani: Venezia 32
Documenti Veneziani: Venezia 33
Documenti Veneziani: Venezia 34
Documenti Veneziani: Venezia 35
Documenti Veneziani: Venezia 36


  • Download PDF File
  • Download Word File